Approccio etico al cashback governativo

Sembra che per quest'anno il cashback sara' mantenuto e quindi restano i premi per i primi centomila che faranno piu' pagamenti digitali.Il premio e' allettante, 1500 euro, per alcuni piu' di uno stipendio e ha spinto molti a cercare scorciatoie per salire in classifica ed essere tra i primi centomila.

Tra i sotterfugi piu' discussi c'e' quello di chi ha deciso di sfruttare le serate di coprifuoco per trascorrere del tempo ai distributori di carburante facendo il maggior numero di transazioni possibili: anche 70 in un'ora per importi esigui, approfittando dell'assenza degli addetti e di altri automobilisti scocciati nelle ore notturne.

La piu' geniale e' quella di chi ha acquistato un POS portatile SumUp, registrato il proprio IBAN e iniziato ad "auto-pagarsi" facendo scattare una transazione facilitati dal fatto che sotto i 5 euro non si pagano commissioni.

C'e' anche chi usa Satispay al bar per pagare un caffè da 1 euro suddiviso in 5 "rate" da 0,20 euro l'una. In questo caso il gestore potrebbe scegliere di non opporsi perché l'operazione non avrebbe costi per lui, a differenza di quanto accade con i gestori dei distributori di carburante, costretti a sobbarcarsi le commissioni per ogni transazione effettuata.

Ma la novità forse più sorprendente riguarda quella dei "benefattori ignoti": utenti che invierebbero tramite Satispay pochi centesimi a enti benefici o anche esercenti stessi pur non avendo mai messo piede nel negozio.Questa ultima scelta e' quella forse piu' etica tra tutti, poiche' aiuta enti benefici come le parrocchie a ricevere piccole offerte sempre utili. Quindi chi vuole prendere il premio destinato ai primi centomila puo' fare offerte proprio alla nostra parrocchia suddividendola in pochi centesimi tante volte al giorno.

I dati al 30 Marzo dicono che chi si trova in classifica al posto centomila ha fatto 198 transazioni. È sufficiente un rapido calcolo per capire che sono più di un paio su base quotidiana (2,22 per essere precisi) e circa una quindicina (15,57) a settimana dall'inizio del periodo semestrale valido per Cashback e Super Cashback, ovvero il 1 gennaio.

E' una tendenza in continua crescita, possiamo comunque azzardare una previsione a fine giugno, essendo ormai giunti alla metà del semestre: stando ai dati odierni ne serviranno almeno 403 per poter allungare le mani sul Super Cashback.

Quindi in questo momento basterebbero 3 o 4 offerte con l'App Satispay al giorno alla nostra parrocchia anche solo di pochi centesimi ciascuna per restare tra i primi in classifica, a meno che non dovete recuperare i mesi precedenti ovviamente. La Parrocchia si comporta come un negozio fisico in cui anziche' comprare qualcosa fate solo un'offerta ma vale per il cashback e quindi ottenete anche un ritorno del 10% della offerta fatta. Alla fine se fate i calcoli l'ammontare delle offerte fatte e' una minima parte del premio che si puo' ottenere e l'operazione risulta ancora molto conveniente.

E' un metodo molto semplice e forse il piu' etico tra tutti quelli che le persone si stanno inventando e sicuramente piu' comodo rispetto a passare un'ora la distributore di benzina.

Grazie