Composizione floreale per la Seconda Domenica di Quaresima 2014

Seconda domenica di Quaresima

 

Tutto parla di luce e di bellezza nell’episodio che narra la Trasfigurazione di Gesù, e non può che essere così: Dio è “la” Bellezza, intravista per un attimo dai discepoli eppure tanto sconvolgente da desiderare di non vedere più altro.

Abbiamo urgente, assoluto bisogno di ricuperare il senso del bello nella nostra vita; la bellezza affascina e può essere una straordinaria forza che ci attrae verso Dio, Unico nella sua armonia e verità.

Quante volte abbiamo detto: è bello credere! Certo, è bello credere perché aiuta a vedere che ciascuno di noi porta in sé un riflesso della bellezza di Dio, e questa nascosta bellezza lega le persone, dà senso agli avvenimenti, muove le emozioni. Anche Pietro, nei racconti degli evangelisti prova la stessa meraviglia che gli fa ingenuamente esclamare: “…è bello per noi stare qui”.

Sì, è bello essere qui, Signore, è bello essere tuoi discepoli.

 

Il segno che accompagna la lettura del vangelo di questa domenica è un bouquet di tulipani bianchi su un intreccio di rami sottili. I fiori sono puntati “a fiamma” al centro del piatto di vetro.

Il colore bianco è quello delle vesti di Gesù al momento della sua Trasfigurazione, un segno per i discepoli della sua natura divina che risplende ai loro occhi.

 

 

 SecondaDomenicaDiQuaresima2014a

 

 

 

SecondaDomenicaDiQuaresima2014b

 

 

 

 

SecondaDomenicaDiQuaresima2014c